Come diventare profiler: competenze e studi

Un ottimo background accademico, occhio per i dettagli e capacità deduttive: ecco gli “ingredienti” per diventare profiler

Oggi il termine criminal profiling è diventato noto ai più grazie a serie televisive come CSI, Criminal Minds, Mindhunter e tante altre ancora. In realtà, affonda le sue radici negli anni Settanta, quando gli agenti speciali dell’FBI Howard Teten e Patrick Mullany crearono un programma ufficiale di criminal profiling: il cosiddetto Behavioural Science Unit (BSU), volto a investigare sulla scena del crimine da una prospettiva psicologica. Da allora la strada per diventare profiler ha subito ulteriori aggiornamenti, fino a diventare quella di cui parliamo oggi nell’articolo.

Come diventare profiler: cosa fa di preciso

Il profiler si occupa di individuare l’autore ignoto di un reato analizzando il comportamento di quest’ultimo, la scena del crimine e le caratteristiche della vittima. Grazie a questo processo gli sarà possibile ricostruire un profilo del criminale comprensivo delle sue caratteristiche psicologiche e sociodemografiche, così da arrivare a una rosa di sospettati su cui gli investigatori concentreranno le proprie ricerche. Il profiling può essere utile non solo per le indagini post-reato, ma anche per attività di prevenzione volte a individuare possibili situazioni di pericolo: del resto, capire come ragionano i criminali aiuta a prevedere le loro azioni. Questa è la versione breve del ruolo del profiler; qui sotto puoi trovare il suo lavoro suddiviso fase per fase.

Come diventare profiler: laurea in criminologia

Non esiste una vera e propria “laurea in criminal profiling”, né in Italia né all’estero; tuttavia, esistono diversi percorsi inerenti alla materia in questione e che permettono di diventare profiler.

Partiamo dal generale e vediamo che la carriera del profiler può iniziare con una laurea magistrale in Psicologia oppure in Giurisprudenza. La prima consente di studiare gli stati mentali più i relativi processi emotivi, cognitivi, sociali e comportamentali, mentre la seconda privilegia gli aspetti giuridici, penali e sociali. Si tratta di due approcci differenti ma di medesima utilità per la sfera investigativa e del profiling.

Altrimenti, c’è un’opzione ancora più specifica: la laurea in criminologia o in scienze dell’investigazione, che puoi trovare presso diverse Università Telematiche riconosciute dal Miur. Optare per un corso di laurea online risulta particolarmente congeniale per gli studenti lavoratori, dato che la piattaforma e-learning degli atenei, comprensiva di videolezioni, dispense ed esercitazioni, è disponibile 24 ore su 24 e accessibile da più device. Lo studio diventa perciò dinamico, ma per quanto riguarda la qualità rimane sempre “classico”, dato che le Università Telematiche puntano molto sulla competenza e la disponibilità dei propri docenti.

Potrai trovare tutto questo e anche di più all’interno dei seguenti corsi di laurea:

*Chi conclude questo corso potrà fare domanda per essere ammesso all'esame di certificazione per criminologi. Inoltre, il corso permette il riconoscimento del numero di crediti formativi utili all'iscrizione al secondo anno della triennale in Scienze giuridiche per la criminologia, l’investigazione e la sicurezza Mercatorum.

Profiler: competenze e luoghi di lavoro

  • un’ottima formazione accademica alle spalle
  • spirito di osservazione
  • comprensione dei meccanismi mentali altrui
  • organizzazione mentale
  • capacità deduttive e logiche

Tutte queste caratteristiche gli consentiranno di lavorare principalmente per i reparti specializzati della Polizia di Stato, dei Carabinieri o della Guardia di Finanza. Inoltre, il profiler può fornire i propri servizi come consulente tecnico di parte o d’ufficio nei processi penali.

Lo stipendio del profiler dipenderà dalla sua competenza ed esperienza, dal settore in cui andrà a lavorare e dal numero di casi che affronterà. Facendo una stima approssimativa, possiamo dire che un profiler parte solitamente da 30.000 euro annui, fino ad arrivare, in taluni casi, a 120.000 euro. Si tratta di cifre poco più basse rispetto allo stipendio medio di un profiler dell'FBI, che può guadagnare dai 40.000 ai 135.000 dollari annui.

Differenze tra profiler e criminologo

Il percorso formativo del profiler e del criminologo può essere simile se non identico. E quello professionale? Ad esempio il profiler risulta una figura decisamente specializzata nell’ambito clinico-forense, all’interno del quale il lavoro del criminologo trova ampio spazio.

Quest’ultimo, tuttavia, può lavorare anche nel settore penitenziario, occupandosi del trattamento e della riabilitazione sociale dei detenuti, così come di sicurezza aziendale, industriale o informatica. Sia il profiler che il criminologo, infine, possono occuparsi di divulgazione e comunicazione scientifico-investigativa, oppure lavorare nel mondo accademico.

DOMANDE FREQUENTI

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Se necessiti di maggiori informazioni, non esitare a scriverci, ti risponderemo fornendoti una consulenza del tutto gratuita nel minor tempo possibile.

    Autorizzo al trattamento dei dati personali, come esplicitato Informativa sulla Privacy

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    SEI INTERESSATO AD UN CORSO DI LAUREA ONLINE?

    CHIEDI INFO